Come funziona il piano a induzione?

Nelle cucine moderne è sempre più frequente trovare, al posto dei piani cottura tradizionali, quelli elettrici a induzione. Ma come funzionano?

Per prima cosa è bene precisare che i piani a induzione sfruttano il principio dell’induzione elettromagnetica per scaldare le pentole utilizzate per la cottura dei cibi. Da questa definizione è quindi facile comprendere che a differenza dei piani tradizionali che utilizzano gas metano come principio di funzionamento per riscaldare, i piani ad induzione sfruttano la corrente elettrica. Questa caratteristica renderà quindi leggermente più elevati i consumi inerenti l’energia elettrica, in quanto i piani ad induzione hanno picchi di assorbimento compresi tra 5 kw/h e 7 kw/h.

Piani a induzione: come funzionano?

La cottura nei piani ad induzione sfrutta i campi elettromagnetici. L’induzione magnetica crea un campo elettromagnetico che innesca le molecole ferrose presenti nelle pentole, producendo calore ed andando a trasmetterlo agli alimenti.

Il piano ad induzione riesce quindi a cuocere gli alimenti senza fiamma né calore, ma semplicemente attivando un campo elettromagnetico sul fondo della pentola.

Questi piani sono composti da una bobina attorno alla quale passa corrente elettrica alternata, la quale produce un campo elettromagnetico. Questa variazione attira molecole ferrose generando un movimento molto rapido. A sua volta la forza elettromotrice genera correnti elettriche indotte che circolando sul fondo della pentola generando il calore con il quale verranno cotti gli alimenti.

Piani a induzione: perché sceglierli

Come ben comprensibile i piani ad induzione, rispetto ai tradizionali, sono solitamente caratterizzati da un design più moderno ed accattivante.

Solitamente la loro superficie è in vetro scuro e più semplice da pulire rispetto a quelli a gas. Sarà infatti sufficiente passare il tutto con un panno umido per rimuovere eventuali macchie e, in caso di polvere, con un panno antistatico.

Infine, caratteristica da non sottovalutare, i piani ad induzione per un certo verso possono essere considerati più sicuri rispetto quelli a gas in quanto, anche se dimenticati accesi o girando erroneamente le manopole di attivazione, non ci saranno fuoriuscite di gas pericolose per le persone.

Se si volesse pertanto elencare una serie di vantaggi dati dall’impiego dei piani induzione possiamo includere:

  • Assenza di fiamma e rischi ad essa connessi
  • Assenza di emissioni nell’ambiente
  • Assenza di rischi legati a perdite di gas ed alla necessità di creare un’apertura di ventilazione a norma, salvo la presenza di altri apparecchi che richiedono l’impiego di gas
  • Efficienza elevata e risparmio energetico assicurato
  • Cottura uniforme degli alimenti
  • Velocità di riscaldamento
  • Possibilità di regolare la potenza
  • Nessuna parte del piano si scalda direttamente, bensì sono le pentole a riscaldarsi
  • Attivazione delle piastre solo se a contatto con pentolame idoneo
  • Semplicità nella pulizia del piano in vetroceramica.

Noi di Centrocucine siamo in grado di fornire ulteriori informazioni in merito ai piani induzione e suggerirti il modello più idoneo al soddisfacimento delle tue esigenze.